RECENSIONE ORICO Alluminio M.2 NVMe SSD Enclosure

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Liupen

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
30 Ottobre 2018
Messaggi
382
#1
I prodotti che oggi presentiamo sono due


1565449736927.png

si tratta infatti della tipologia di storage esterno portable più veloce attualmente a disposizione!

Perché?

Perché sono realizzati da un box capace di una connessione di tipo USB3.1 GEN2 mediante una USB di Tipo C e in grado di creare un bandwidth di 10Gbps corrispondenti a circa 1250 MB/s

USB 3.1 gen2 10Gbps nuovi nomi e caratteristiche presenti e future
USB 3.1 (gen2) ha una velocità di trasferimento dati SuperSpeed + da 10 Gbps e può fornire più energia in modo da poter alimentare periferiche più potenti ed eseguire ricariche USB più veloci.
USB 3.1 gen2 fornisce standard fino a 2A (5v) e offre possibilità tecniche fino a 5A / 20V a seconda del profilo di alimentazione. Tuttavia, queste opzioni sono possibili solo con la nuova connessione USB di tipo C.
Il connettore USB Tipo C migliora il connettore precedente (Tipo A) assicurandosi che sia possibile collegarlo senza doverlo girare nel verso giusto. Inoltre consente anche velocità di trasferimento dati molto più elevate (grazie alla sua modalità multi-lane).
Il connettore Tipo C è retrocompatibile con tutti gli standard USB mai rilasciati e può trasportare ben 100W di potenza.
Le confuse denominazioni degli standard USB più recenti lasciano costantemente le persone perplesse per la loro complessità. Il USB-IF (USB Implementers Forum) ha annunciato il rebranding delle specifiche USB 3.0 e 3.1 nell'ultima settimana di febbraio 2019.
Con questo rebranding lo standard precedente noto come USB 3.0 o 3.1 sarà ora denominato USB 3.2 Gen 1. Inoltre, lo standard precedentemente noto come USB 3.1 Gen 2 verrà ora rinominato USB 3.2 Gen 2.
Aggiungendo al caos delle denominazioni, la specifica del nuovo connettore, assumerà il nome di USB 3.2 Gen 2x2!
Il ragionamento alla base di questa bizzarra denominazione potrebbe essere valido dal punto di vista tecnico (il doppio del throughput offerto da USB 3.2 Gen 2) ma l'utente medio farà fatica a cogliere le differenze tra i vari standard. Infatti quando si ha intenzione di comprare un nuovo dispositivo la maggior parte della gente fatica a capire quali velocità possano aspettarsi dai vari USB.
Ecco quindi una tabella che descrive i nuovi schemi di denominazione, insieme ai loro vecchi nomi e alle velocità massime. Questo dovrebbe aiutarti a navigare molto meglio nel panorama USB:

1565468903148.png
Quali sono i grandi cambiamenti nella nuova generazione?
a) Doppio throughput rispetto alla generazione precedente: fino a 20 Gbps.
b) Supporta solo il connettore USB Tipo C (Tipo A non supportato da questo standard).
e da un SSD di tipo PCIe 3.0 x4 in formato M.2 (NGFF) che di suo è il dispositivo attualmente più veloce nella memorizzazione dei dati sequenziali.

Attenzione quindi al tipo di SSD M.2 che volete installare nel box, perchè è compatibile solo con M.2 di tipo NVME e solo con M.2 di tipo M-key



Iniziamo quindi a vedere come sono fatti e quanto vanno forte questi device portatili ORICO che è un noto produttore del polo tecnologico di Shenzhen, Cina.

I 2 prodotti hanno le medesime componenti interne e differiscono per la struttura:
la versione ALUMINIUM è ovviamente in alluminio ed è anche più compatto; la versione TRASPARENTE è in plastica trasparente con la possibilità di acquistare modelli in 4 colori.


Cominciamo dalla versione ORICO Alluminio M.2 NVMe SSD Enclosure


UNBOXING

1565471856715.png

1565472016347.png

Nella scatola sono presenti, oltre al box le viti ed un apposito cacciavite per il fissaggio dell'SSD M.2, due cavetti, invero molto corti, per il collegamento sia con USB Tipo A "tradizionale", sia con la velocissima USB di Tipo C; oltre a questo sono presenti un libretto di istruzioni bilingua e un foglietto di ringraziamento ed invito a visitare i diversi canali ORICO.
Il box è in due varianti di colore: alluminio chiaro e alluminio scuro.
L'aspetto estetico del box richiama il minimalismo; molto bello il guscio in lega di alluminio spazzolato dai bordi smussati e lucidi, dà l'idea di un dispositivo forte, anche perché chiuso da una vite.
Un piccolo ma gradito tocco è la sottile luce a LED, che non si acceca nemmeno in una stanza buia. Si illumina semplicemente di un blu a bassa intensità e lampeggia durante l'attività del disco.

1565474087523.png

Non si tratta di un box a tenuta ermetica, quindi non ha certificazioni IP.
Il montaggio dell'SSD è relativamente semplice, con il cacciavite in dotazione, e richiede solo la rimozione di una singola vite per accedere all'interno, e il pannello inferiore scorre semplicemente per sbloccare e si stacca.

1565472561057.png 1565472590392.png

i pad in materiale termoconduttore sintetico, sono pre-applicati sulle facce interne e dotate di collante per aderire al meglio in fase di chiusura.

1565473094957.png 1565473125893.png 1565473159754.png

Il PCB ha barre di rame ed è perforato per aiutare il raffreddamento, e sono supportate lunghezze di per M.2 da 2230 a 2280.



CARATTERISTICHE TECNICHE e PRESTAZIONI

1565473857152.png

Quando apriamo il dispositivo e diamo un'occhiata al PCB, vediamo il chip JMS583 che costituisce il motore dello storage.

1565474831214.png

È passato un po 'di tempo da quando JMicron ha rilasciato il suo chip JMS583 che funge da controller bridge (ponte) da USB 3.1 Gen 2 a PCIe Gen 3 × 2 che consente velocità di archiviazione molto elevate e volumi elevati in un box SSD M.2 relativamente piccolo.
Il controller supporta SSD di massimo 2 TB.

Al fine di garantire la compatibilità con un'ampia gamma di sistemi, ORICO non solo ha scelto di utilizzare un controller bridge al top, ma ha integrato con le migliori features:
  • Supporto per UASP (protocollo SCSI collegato tramite USB) per prestazioni migliori (sovraccarico del protocollo ridotto e supporto per l'utilizzo ottimale del set di comandi NVMe)
  • Supporto per TRIM per garantire che gli SSD nel box esterno possano funzionare in modo ottimale a lungo termine
  • Supporto per passthrough SMART per consentire il monitoraggio del dispositivo NVMe interno da parte del sistema operativo host
  • Capacità dell'SSD scelto di esporre uno stato di potenza attiva che non supera i 4,5 W dopo l'aggiunta del consumo energetico del chip bridge (stato di bassa potenza).

Con la sua interfaccia USB 3.1 Gen2 la massima velocità di trasferimento teorica dovrebbe essere di 1250 MB/s, anche se in pratica questo sarà un po 'più basso ovvero intorno ai 900 MB / s. reali.
Nella maggior parte dei test del mondo reale ho visto velocità leggermente inferiori.

Vediamo quindi cosa esce da cilindro:


SSD per il test
1565480380973.png

1565477279278.png 1565477314714.png

1565477489652.png 1565477526099.png

1565477626791.png 1565477659240.png

1565477711116.png 1565477755257.png

1565477862294.png 1565477890955.png


I test sono quelli standard per la valutazione middle level di un SSD, confrontati con quelli ottenuti dallo stesso SSD (Samsung 970 EVO da 1 TB) sulla scheda madre:

ATTO Bench - per le velocità massime di dati comprimibili
CrystalDiskMark - perchè fornisce un buon benchmark confrontabile sul web
AS SSD - un bench duro e capace di mettere alla prova i dispositivi SSD
HD Tach - che esegue una lettura di tutto il disco ai valori reali e non stimati
Copia di cartella e ISO - il test cardine che permette la valutazione diretta delle prestazioni.

Risultati eccellenti per questo box SSD M.2 NVME!!
Per i bench le velocità teoriche sono pienamente rispettate, con velocità ben superiori ai 900 MB/s sia in lettura che in scrittura.
Le velocità reali si attestano intorno ai 650 MB/s per la lettura e ca 500 MB/s per la scrittura.
Valori più che soddisfacenti quando in una situazione reale, un SSD SATA ha valori di trasferimento con USB 3.0 di massimo 250 MB/s.



IL CALORE e la DISSIPAZIONE
Il calore prodotto da un SSD M.2 NVME è certamente un grande problema se si utilizza intensamente questo device e non ci si vuole scottare le dita!
Essendo un problema che affligge tutta questa tipologia di box SSD, il valore viene preso come un mero dato di fatto e riportato in quanto tale.

1565479346182.png

Si passa da una temperatura appena acceso di 32 °C (temperatura aria 31 °C) ad una temperatura dopo 15 minuti di uso intensivo di 51-56 °C cosa che lo rende parecchio caldo al tatto, ma tutto sommato, pensando che all'interno l'SSD stà raggiungendo temperature di oltre 70 °C, capace di dissipare ottimamente il calore.





ORICO NVME da M.2 a Type-C USB3.1 Gen2 da 10 Gbps Trasparente External Hard Drive Adapter
LINK AMAZON

ORICO Alluminio M.2 NVMe SSD Enclosure, M-Key Ultra-Slim per USB3.1 Gen2 Type-C 10 Gbps External Hard Case Case
LINK AMAZON



Ringrazio Marion Miao from ORICO Marketing per averci offerto l'opportunità di recensire questi prodotti.

La riproduzione o utilizzazione di questa recensione è riservata, secondo la legislazione sui diritti d'autore. E' consentita la copia purché si citi la fonte.
 
Ultima modifica:
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top

Caro utente, ti ringraziamo per essere quì.

Ci siamo accorti che stai utilizzando un AdBlock o qualche estensione che impedisce il caricamento completo della pagina.

Non abbiamo banner fastidiosi, animazioni flash o popup irritanti.

I nostri proventi ci aiutano a coprire i costi di gestione del sito, recuperare eventuale materiale per la redazione e continuare il nostro operato.

Per favore, aggiungi hwreload.it alla whitelist o disabilita direttamente la tua estensione che blocca la pubblicità.

Ti ringraziamo per l'attenzione.