DOMANDA Consigli disposizione ottimale per FTTC/FTTH

Arkad

Utente attivo
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#1
Salve, visto che attualmente possiedo una ADSL 7Mega con TIM e la data di prevista chiusura lavori ed operatività della FTTH di OpenFiber nel mio comune è stata posticipata dal 2021 ad un generico 2022 ( sempre che risulti vero e non verrà nuovamente posticipata ), stavo prendendo in considerazione l'idea di passare a FTTC ( nonostante la stima di soli 30Mega dovuti alla distanza dall'armadio ed il vincolo di tot anni con l'operatore ).
Vorrei quindi dei consigli, anche solo teorici, circa la disposizione ottimale dei vari dispositivi, valida sia per FTTC che, eventualmente, per FTTH.

Premetto che l'impianto non è recente, già quando è stata installata l'ADSL, anni fa, sono state utilizzate le prese tripolari ( tuttora presenti ed utilizzate ) che in ogni caso, se non erro, verranno sostituite durante l'intervento.
Vado a descrivere la disposizione attuale che trovo "ideale" ( intesa in termini di comodità, magari non lo sarà in termini di efficienza ) e che quindi vorrei, per quanto possibile, mantenere ma ovviamente se alcuni cambiamenti si dovessero rendere necessari per ottenere dei benefici, sarei disposto ad attuarli ( che sia solo per FTTC, solo per FTTH o per entrambe ):
- Al piano terra è presente la presa telefonica principale alla quale è collegato un cordless. È presente inoltre una TV non recentissima e non smart ( da considerare che verrà sostituita entro la fine dell'anno approfittando del passaggio a DVB-T2 nonostante il lato smart probabilmente non verrà sfruttato in maniera eccessiva ).
- Al primo piano abbiamo una presa telefonica in una stanza alla quale è collegato un fisso analogico e un'ultima presa telefonica in un'altra stanza alla quale è collegato il modem router posto sulla scrivania assieme al PC. Il PC è collegato al modem router tramite ethernet, lo stesso una stampante.
- Quanto ai dispositivi WiFi, abbiamo un paio di smartphone ed un notebook ( che ogni tanto collego via ethernet al modem router ma direi utilizzo 90% WiFi 10% LAN ).

Probabile l'acquisto di un Fritzbox ( in mancanza di valide alternative nella stessa fascia di prezzo ) e non escludo interesse VoIP ma se il costo del sezionamento dovesse superare o essere all'incirca quello di un telefono DECT VoIP credo propenderei per quest'ultimo, sostituendo almeno uno dei due telefoni attuali.

Credo sia tutto, ringraziando in anticipo.

PS Consigliate di rimanere con TIM o passare a Fastweb o altro operatore? ( anche se mi pare solo questi due, attualmente, offrano FTTC al mio indirizzo )
TIM.jpg
FW.jpg
È da tenere in considerazione la scritta BS-NGA?
 

luigidavino

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#2
No, il tecnico non sostituirà tutte le prese, ma soltanto quella dove collegherà il modem (e non è detto che lo faccia, tra l'altro...).
La presa al piano terra è la principale? Ti ricordo che il modem deve essere necessariamente collegato ad essa per evitare sovraccarichi e perdite velocità/pacchetti.

Il sezionamento va fatto a prescindere, se le prese secondarie non sono collegate in serie.
Vanno sostituite con delle RJ11 (costano pochissimo; circa €5 l'una).

Se ti interessa la parte fonia, un modem che supporti VoIP è obbligatorio, altrimenti non potrai telefonare, né con cordless/fissi VoIP, né con i vecchi apparati analogici (su FTTC e FTTH la fonia non è erogata in RTG ma simulata in VoIP).
Nell'altro topic che hai aperto (con quasi le stesse domande che hai posto qui) ho già risposto più che a sufficienza sull'argomento.

Consigli sull'operatore? Tutto dipende dalla copertura nella tua zona.
Se in VULA, consiglio TIM. Se FW ha rete proprietaria, allora potresti valutarla.
Per FTTH, poiché non sei coperto, non possiamo valutare, per il momento.

Quanto alle presunte velocità, lasciale perdere.
Ogni impianto fa storia a sé.
 

Arkad

Utente attivo
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#3
No, il tecnico non sostituirà tutte le prese, ma soltanto quella dove collegherà il modem (e non è detto che lo faccia, tra l'altro...).
Ah ok, credevo fosse un servizio offerto, seppur a pagamento, dall'operatore al momento del contratto e compreso nel sezionamento dell'impianto. Allora tanto vale evitare il tecnico e rivolgersi direttamente ad un elettricista, a maggior ragione se vogliamo utilizzare un modem di nostra proprietà e non quello offerto.
La presa al piano terra è la principale? Ti ricordo che il modem deve essere necessariamente collegato ad essa per evitare sovraccarichi e perdite velocità/pacchetti.
Come detto, sì. Questo perché parliamo appunto di FTTC. In caso di futura FTTH, l'eventuale ONT esterno è preferibile che stia comunque vicino al router o potrei disporli anche su piani diversi? ( tipo, ONT al piano terra e router al primo piano vicino al PC come adesso ).
Il sezionamento va fatto a prescindere, se le prese secondarie non sono collegate in serie.
Nel caso in cui acquistassi un Fritzbox con base DECT integrata, non basterebbe sostituire solo la presa principale ( per collegarla alla porta DSL )?. Il telefono più vicino su porta fonia e quello più lontano via DECT.
Se ti interessa la parte fonia, un modem che supporti VoIP è obbligatorio, altrimenti non potrai telefonare, né con cordless/fissi VoIP, né con i vecchi apparati analogici (su FTTC e FTTH la fonia non è erogata in RTG ma simulata in VoIP).
Nell'altro topic che hai aperto (con quasi le stesse domande che hai posto qui) ho già risposto più che a sufficienza sull'argomento.
Sinceramente non vedo nessuna domanda in merito nel post d'apertura di questo topic, anzi, ho semplicemente cercato di fornire in una volta sola quante più informazioni possibili per offrire un quadro completo della situazione ( volendo, nell'altro topic, scrivi: "Se compri un cordless con base VoIP, non ti occorre né un router in grado di gestire VoIP" e adesso non sembra valere ma appunto argomento chiuso e non riaperto da me ). Quindi non capisco questa puntualizzazione.
Se in VULA, consiglio TIM. Se FW ha rete proprietaria, allora potresti valutarla.
Come verifico se TIM sia in VULA o meno? Avevo messo gli screen sotto spoiler non tanto per le stime sulla velocità quanto perché Fastweb riporta anche il tipo: BS-NGA ( immagino quindi non VULA e peggiore? ) mentre per TIM non trovo indicazioni in merito.

Comunque, probabilmente, non sono stato sufficientemente chiaro nel titolo o nel contenuto del post.
La mia richiesta era quella di ricevere consigli sulla disposizione ottimale dei collegamenti in relazione ai dispositivi cablati/WiFi elencati, in caso di FTTC/FTTH.
Quindi, se ad esempio dici che in caso di FTTC il modem debba essere necessariamente collegato alla presa principale ( posta al piano terra ), di ciò beneficerebbero: la futura smart TV, il notebook e gli smartphone ( prevalentemente quando si trovano al piano terra ) che utilizzano WiFi ma quale sarebbe la soluzione ideale per mantenere cablati: PC, stampante ed eventualmente notebook situati al primo piano ed al contempo, se possibile, disporre di una buona ricezione WiFi ( per notebook e smartphone quando si trovano al primo piano )?
 

luigidavino

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#4
No, il sezionamento non è un servizio offerto. Ci sono casi in cui i tecnici sistemano autonomamente senza addebitare nulla, ma molto dipende anche dalla complessità/fattibilità dell'operazione.
ONT è sempre preferibile averlo vicino al router.
No, non basta solo sostituire la principale. Se hai altre prese e vuoi utilizzarle, devi per forza sezionare. Altrimenti, se non vuoi usarle e collegare i telefoni (max. 2) al modem, puoi scollegarle (le apri e le isoli fisicamente, staccando i cavi).
I cordless VoIP come i Gigaset possono funzionare a prescindere dalla fonia VoIP prevista da contratto (es.: apri una numerazione con un qualunque provider come Messagenet e non sei vincolato al numero dell'ISP, ma ne ottieni uno ex-novo).
La "puntualizzazione" era solo un invito a riguardarti i post in modo da fugare eventuali dubbi relativi al funzionamento VoIP e quant'altro. Chiaro che, qualora tu ne abbia ancora (ma è molto più semplice di quanto tu creda; basta ragionare un attimino), puoi chiedere tranquillamente. ;)

Soluzione per tenere cablati gli apparati al primo piano? Switch come questo da collegare con un cavo ethernet al modem (da valutare la lunghezza) e da posizionare in una cassetta di derivazione, a muro o in un'altra posizione a te gradita (valuta tu in base alla conformazione della casa).
Altrimenti, se vuoi anche una copertura radio ottima al piano superiore, oltre alla possibilità di collegamenti ethernet, serve un Access Point (da valutare il tuo budget a disposizione) da collegare sempre come lo switch.
Ti sconsiglio Repeater e Powerline, troppo suscettibili di problematiche correlate all'impianto elettrico.

TIM non è mai in VULA, essendo sua la rete dove si appoggiano gli altri ISP.
FW è in affitto lì da te. Eviterei.
 

Arkad

Utente attivo
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#5
Altrimenti, se non vuoi usarle e collegare i telefoni (max. 2) al modem, puoi scollegarle (le apri e le isoli fisicamente, staccando i cavi).
Sì, nel mio caso sarebbero 2 telefoni ma non vorrei collegarli entrambi direttamente al modem ( anche perché credo dipenda dal numero di porte fonia sul router ) visto che sono situati su piani differenti. L'idea era quella di collegare al massimo un telefono direttamente al modem ( mettiamo il Fritz 7590 ) al piano terra ed acquistare per il piano superiore un cordless DECT da abbinare alla base DECT integrata nel FritzBox ( che, volendo, mi darebbe la possibilità di abbinare ulteriori cordless DECT ). In questo modo credo dovrei sostituire solo la presa principale al piano terra senza la necessità di cambiare le altre che dovrei solo, da quanto ho capito, scollegare.
Chiaro che, qualora tu ne abbia ancora (ma è molto più semplice di quanto tu creda; basta ragionare un attimino), puoi chiedere tranquillamente. ;)
No, è che semplicemente credo di aver capito che per i telefoni analogici ( fissi e cordless ) serve ATA ( se interno, RJ11 dal fisso/base alla porta fonia sul router mentre se esterno, RJ11 dal fisso/base all'ATA e quest'ultimo tramite RJ45 al router ).
Il "blocco" avviene sui telefoni VoIP quando credevo che bastasse collegarli solo tramite RJ45 ad una porta LAN del router ma poi vedo:
- che dispongono anche di plug RJ11 ( che appunto credevo servisse solo per gli analogici ) e vengono collegati, come nel video del Gigaset, oltre che alla LAN, anche alla rete fissa.
- che viene detto: "la fonia viene gestita dal modem" ma poi: "la gestione della fonia è sempre a livello di router".
- che viene detto: "la gestione del VoIP da parte del router è solo a livello di hardware (porte fonia)" e: "un router che supporta il VoIP ha sempre le porte dedicate alla fonia. Se non ha porte dedicate, ma solo le classiche RJ45, non è in grado di gestire la fonia." ma poi: "Un router con sole RJ45 può non gestire VoIP (ethernet non è esclusivo per VoIP)". Qui credevo di aver capito che un router non potesse gestire il VoIP circa la fonia analogica in caso di porte fonia assenti ma che potesse gestire almeno i telefoni VoIP tramite RJ45 ma a questo punto sembra debba rispettare altri requisiti oltre alla presenza di porte RJ45.
- che viene detto: "Se compri un cordless con base VoIP, non ti occorre un router in grado di gestire VoIP" ma poi: "un modem che supporti VoIP è obbligatorio, altrimenti non potrai telefonare, né con cordless/fissi VoIP".
e la confusione prende il sopravvento :asd ma vedrò di ragionarci ancora.
Switch come questo da collegare con un cavo ethernet al modem (da valutare la lunghezza) e da posizionare in una cassetta di derivazione, a muro o in un'altra posizione a te gradita
Essendo i dispositivi cablati 2/3 credo potrei optare anche per la versione da 5 porte. Idealmente quindi, se fattibile, una presa al muro doppia ( 1 RJ11 per DSL + 1 RJ45 per cavo ethernet dalla presa al modem ) al piano terra ed una singola presa RJ45 al muro al piano superiore nella stanza con i dispositivi da cablare alla quale collegare un secondo cavo ethernet dalla presa allo switch posto, mettiamo, sulla scrivania: alla porta 1 il cavo dalla presa, alla porta 2 il PC, alla porta 3 la stampante e così via?
Altrimenti, se vuoi anche una copertura radio ottima al piano superiore, oltre alla possibilità di collegamenti ethernet, serve un Access Point (da valutare il tuo budget a disposizione) da collegare sempre come lo switch.
Il collegamento sarebbe come sopra solo che invece di utilizzare uno switch utilizzerei un Access Point che mi fornirebbe al piano superiore la connessione sia tramite LAN che WiFi?. In caso, potrei utilizzare il modem router attualmente in mio possesso ( un recentissimo Netgear DGN2200v4 :asd ) sfruttandolo appunto come Access Point collegandovi quindi i dispositivi cablati e WiFi?. Avrei dei dubbi circa possibili limitazioni riguardo il WiFi ma intanto vorrei sapere se fosse quantomeno fattibile.
TIM non è mai in VULA, essendo sua la rete dove si appoggiano gli altri ISP.
FW è in affitto lì da te. Eviterei.
Ok, scrivendo: "Se in VULA, consiglio TIM." avevo frainteso credendo potesse esserlo. Vada allora per TIM dato che Fastweb è in NGA.
 

luigidavino

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#6
E' da valutare il raggio d'azione della base DECT del Fritz. Quella del 7390 non aveva una copertura entusiasmante...

Il ragionamento dell'ATA vale se il modem non supporta VoIP. Ciò sia in FTTC che in FTTH.
Modem o router, le cose non cambiano: se l'apparato non supporta il protocollo VoIP, non puoi usare alcun telefono senza passare per un apparato esterno. E' inutile che ti complichi la vita andando a pensare ai connettori.
Metti il caso del mio Asus RT-AC68U: non supporta il VoIP, ma ho un Gigaset C610IP collegato. Il telefono in questione non funziona con FTTC TIM e il mio numero perché il router non gestisce il protocollo VoIP. Posso usarlo per chiamare perché lo comando dalla sua basetta DECT/VoIP (da collegare per forza al router; sennò col cavolo che chiami...).
Discorso diverso se volessi usare un telefono (analogico o DECT che sia) non VoIP: lì mi servirebbe un router adatto, con delle porte fonia (plug RJ11). Altrimenti, nisba.

Si, lo schema di collegamento router-switch-devices va bene.

Si anche qui: l'Access Point incorpora uno switch a 4 porte.
DGN2200v4 andrebbe bene, limitazioni radio a parte.

Regola generale: quando un ISP è in affitto (VULA equivale a Wholesale ADSL), meglio evitare e attivarsi direttamente con il proprietario della rete per tutta una serie di motivazioni.
 

Arkad

Utente attivo
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#7
Grazie per le risposte ed i consigli.
Il ragionamento dell'ATA vale se il modem non supporta VoIP. Ciò sia in FTTC che in FTTH.
Modem o router, le cose non cambiano: se l'apparato non supporta il protocollo VoIP, non puoi usare alcun telefono senza passare per un apparato esterno. E' inutile che ti complichi la vita andando a pensare ai connettori.
Metti il caso del mio Asus RT-AC68U: non supporta il VoIP, ma ho un Gigaset C610IP collegato. Il telefono in questione non funziona con FTTC TIM e il mio numero perché il router non gestisce il protocollo VoIP. Posso usarlo per chiamare perché lo comando dalla sua basetta DECT/VoIP (da collegare per forza al router; sennò col cavolo che chiami...).
Discorso diverso se volessi usare un telefono (analogico o DECT che sia) non VoIP: lì mi servirebbe un router adatto, con delle porte fonia (plug RJ11). Altrimenti, nisba.
Ok, ci siamo quasi...forse :asd
1. Sì, esterno per telefoni analogici nel caso in cui appunto non fosse interno ( corrispondente alle porte fonia integrate nel router ).
2. Ok, è che vedendo scritto una volta che la fonia era gestita dal modem, un'altra che lo era sempre dal router, mi confondevo. Quindi un router con sole porte RJ45, di base, non è che può non gestire VoIP, non può gestirlo affatto.
3. Quindi hai usato la base VoIP che ti permette di telefonare collegandola ad un router che non supporta VoIP ( infatti privo di porte fonia ). Solo che avevi scritto: "un modem che supporti VoIP è obbligatorio, altrimenti non potrai telefonare, né con cordless/fissi VoIP".
4. Il collegamento di cui sopra avviene dalla base del Gigaset al router solo tramite cavo ethernet ( RJ45 )? Altri collegamenti?
5. O un ATA esterno da collegare al router. Per quello dicevo che esteticamente era possibile distinguere dispositivi con supporto VoIP ( aventi porte fonia ) da quelli senza supporto VoIP ( senza porte fonia ).
DGN2200v4 andrebbe bene, limitazioni radio a parte.
Ecco, appunto. Riguardo il WiFi, come funzionerebbe? Nel senso, mettiamo: smartphone che supporta ac, FritzBox che supporta ac situato al piano terra e DGN2200v4 che supporta n situato al piano superiore.
Quando lo smartphone si troverebbe al piano terra sfrutterei la velocità di ac mentre al piano superiore automaticamente "switcherebbe" sul DGN2200v4 e sarei limitato alla velocità di n?
 

luigidavino

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#8
Per il punto 3: vale solo nel caso in cui vuoi avvalerti del numero di telefono di casa tua.
E' logico che, se acquisti un telefono VoIP tipo un Gigaset, lo fai per usare numerazioni e provider alternativi.
Il collegamento avviene solo attraverso la porta RJ45. RJ11 serve per usarlo anche come un normale telefono RTG (la fonia analogica esistente da sempre in Italia).
Si, il Wi-Fi di DGN2200v4 ti limiterebbe alle velocità teoriche dello standard 802.11n
 

Arkad

Utente attivo
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#9
Ok, credo ultime cose:
Per il punto 3: vale solo nel caso in cui vuoi avvalerti del numero di telefono di casa tua.
E' logico che, se acquisti un telefono VoIP tipo un Gigaset, lo fai per usare numerazioni e provider alternativi.
Questo mi torna un pò meno :asd
Non vorrei stessimo utilizzando in modo differente i termini : modem e router. Per comodità e visto che mi basavo sul 7590, li intendevo uniti in un unico dispositivo e quindi come termini "intercambiabili" mentre tu forse li trattavi come due dispositivi separati.
1. Partiamo dal fatto che un modem è comunque necessario in caso di ADSL/FTTC, VoIP o meno. Nel tuo caso hai collegato la base del telefono VoIP al router che appunto noto essere privo di modem. Disponi quindi di un modem VoIP separato? ( inteso con supporto al protocollo VoIP, al di là della presenza di porte fonia visto che non verrebbero utilizzate essendo il telefono non analogico ). Potresti indicare/linkare lo stesso o comunque uno analogo, così da avere anche un riferimento visivo?
2. Con gestire e supportare VoIP intendi la stessa cosa o gestire è riferito esclusivamente alle porte fonia mentre supportare esclusivamente ai protocolli VoIP? Ma soprattutto: oltre alle porte fonia, quali sarebbero questi protocolli VoIP assenti, quindi, nei comuni modem o router? Quali altri requisiti devono possedere?
3. In caso di FTTH e telefono VoIP, servirebbe comunque un modem ( integrato od esterno ) con supporto protocollo VoIP o basterebbero: router con supporto protocollo VoIP ( senza modem )+ATA ( integrato od esterno, per eventuali telefoni analogici )+ONT ( integrato od esterno, per dati )?
4. Non potrei preferire comunque un telefono VoIP con l'intenzione di mantenere lo stesso numero e provider o, al contrario, non potrei preferire un telefono analogico, una volta collegato in VoIP, per numero e provider alternativi?
Il collegamento avviene solo attraverso la porta RJ45. RJ11 serve per usarlo anche come un normale telefono RTG (la fonia analogica esistente da sempre in Italia).
Ecco, quindi è una cosa opzionale ( anche se mi sfugge il motivo per il quale munirsi di un telefono VoIP per poi usarlo anche come telefono analogico su linea tradizionale ). No, perché all'inizio, quando avevo linkato il video che mostra appunto un Gigaset VoIP, avevi scritto: "è più semplice di quanto pensi: la base del cordless ha 2 ingressi. Uno è ethernet e lo colleghi al router; l'altro è un RJ11 e lo inserisci dietro al modem" ed anche nel video stesso dice di collegare la base alla rete fissa ( non al modem qui ) e sembrava quindi che entrambi i collegamenti fossero obbligatori.
 

luigidavino

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#10
Nel mio caso è la basetta del Gigaset a fungere da hub VoIP.
VoIP è un protocollo. Se è gestito dal router, bene. Altrimenti, niente.
A te del modem in quanto tale non deve interessare (perché serve per ADSL e FTTC; per FTTH, no). Insistere col ragionare per forza che, se non senti la parola "modem" allora non funziona, è sbagliato.
Se l'apparato lo gestisce, bene. Altrimenti, devi ricorrere ad altri apparati.
No, un telefono VoIP come il mio non puoi utilizzarlo con il tuo operatore di casa in VoIP, ma solo con alternativi.
Un telefono analogico, collegato a porte fonia o ad un ATA, puoi usarlo con il contratto col tuo ISP.
Ti sfugge il nesso, ma c'è: se ho una linea ADSL in RTG, posso usare quel tipo di telefono come un normale cordless DECT andando a sfruttare la fonia analogica con il collegamento via RJ11 e chiamare con l'abbonamento al gestore di casa.
In base all'uso che ne dovrai fare, collegherai di conseguenza solo RJ45 (VoIP e basta) o a RJ45 e RJ11 (VoIP e Linea Fissa, così come ti appare sul display).
 

Arkad

Utente attivo
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#11
Ogni volta che credo di aver compreso, ne spunta una nuova :roftl
Nel mio caso è la basetta del Gigaset a fungere da hub VoIP.
Sì, ma se l'Asus è solo router e se hai ADSL/FTTC, non ti serve comunque un modem per la connessione internet e, di conseguenza, il VoIP?
VoIP è un protocollo. Se è gestito dal router, bene. Altrimenti, niente.
Qui pare ne esistano diversi. Se comunque dici router o niente ma nel tuo caso l'Asus non lo gestisce, non hai modem che lo gestisca ma al massimo il Gigaset stesso, in realtà è sufficiente che il protocollo sia gestito dal telefono VoIP e non necessariamente anche dal router?
A te del modem in quanto tale non deve interessare (perché serve per ADSL e FTTC; per FTTH, no). Insistere col ragionare per forza che, se non senti la parola "modem" allora non funziona, è sbagliato
Io mi baso su quello che vedo scritto, se chiedendo: "In caso di FTTH il VoIP sarebbe gestito dall'ONT?" mi si risponde: "No, la fonia viene gestita dal modem" oppure: "un modem che supporti VoIP è obbligatorio, altrimenti non potrai telefonare, né con cordless/fissi VoIP", io capisco che un modem è necessario anche in questi casi :asd
No, un telefono VoIP come il mio non puoi utilizzarlo con il tuo operatore di casa in VoIP, ma solo con alternativi.
A saperlo prima :asd Quando leggevo di provider VoIP credevo non vi fossero eccezioni. Avevi anche scritto: "Il telefono in questione non funziona con FTTC TIM e il mio numero perché il router non gestisce il protocollo VoIP ", non a causa dell'operatore in sé. Per quale motivo, così per sapere? E vale per ogni telefono VoIP con gli operatori più comuni o solo per determinati telefoni VoIP con determinati operatori?
Ti sfugge il nesso, ma c'è: se ho una linea ADSL in RTG, posso usare quel tipo di telefono come un normale cordless DECT andando a sfruttare la fonia analogica con il collegamento via RJ11 e chiamare con l'abbonamento al gestore di casa.
Sì ma a questo punto solo se uno avesse intenzione di usare anche VoIP con operatore alternativo altrimenti se volesse usare solo operatore di casa, non essendo il telefono VoIP compatibile con quest'ultimo, lo sfrutterebbe "a metà" e tanto varrebbe comprare direttamente un analogico. E per FTTH? La linea analogica non è appunto necessaria solo per ADSL/FTTC?
In base all'uso che ne dovrai fare, collegherai di conseguenza solo RJ45 (VoIP e basta) o a RJ45 e RJ11 (VoIP e Linea Fissa, così come ti appare sul display).
Ok ma, in caso, come avevi scritto tu: "l'altro è un RJ11 e lo inserisci dietro al modem " oppure RJ11 dalla base alla rete fissa come detto nel video e mostrato qui?
Gigaset.jpg
 

luigidavino

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#12
Si, io ho RT in cascata al modem TIM. E' normale che devi avere un modem su ADSL e FTTC.
Si, ho scritto male: intendevo che se il VoIP in quanto tale è supportato ok,; altrimenti, niente. Il protocollo più utilizzato è SIP.
ONT non gestisce fonia. Per quella serve sempre il modem o router che sia (se FTTC modem; se FTTH router). Di fatti, un modem è un router con un modulo di decodifica del segnale incorporato. Modulo che non ti serve affatto in FTTH.
Il mio Gigaset non puoi utilizzarlo via RJ45 e impostare i dati di fonia di TIM perché incompatibilie con la codifica della sipkey (64 caratteri, laddove il Gigaset ne recepisce solo 32).
E' chiaro che un telefono del genere lo compri solo per altre esigenze (tipo le mie, ossia comunicare con l'estero a prezzi convenienti). Un analogico lo puoi usare anche su FTTC/FTTH con un ATA di mezzo.
Quell'RJ11 lo colleghi alla presa del telefono se hai impianto sezionato (lontano dal modem) o dietro al modem se vuoi collegarlo alla porta TEL/FXS e sfruttare l'opzione Rete Fissa (alias: bypassi il problema della sipkey chiamando comunque in VoIP, perché ormai quasi tutte le centrali permettono la fonia solo in VoIP; RTG progressivamente scomparirà).
 

Arkad

Utente attivo
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#13
Ok, se non ci sono altre "sorprese" :asd le ultime curiosità poi dovrò ragionarci ancora un pò su ma perlomeno mi hai chiarito diversi dubbi:
Si, io ho RT in cascata al modem TIM.
Quale sarebbe? Se è il TIM HUB vedo che supporta VoIP e quindi non è come avevo scritto in precedenza: "Disponi quindi di un modem VoIP separato"? ( da qui il dubbio se il protocollo VoIP doveva essere supportato sia dal Gigaset che dal modem o meno ed inoltre immagino avresti potuto collegarlo direttamente ad una porta LAN dell'HUB che fa anche da router ma che tu preferisca utilizzare l'Asus come router ).
Quell'RJ11 lo colleghi alla presa del telefono se hai impianto sezionato (lontano dal modem) o dietro al modem se vuoi collegarlo alla porta TEL/FXS e sfruttare l'opzione Rete Fissa (alias: bypassi il problema della sipkey chiamando comunque in VoIP, perché ormai quasi tutte le centrali permettono la fonia solo in VoIP; RTG progressivamente scomparirà).
Ecco, ma presa del telefono intesa come secondaria sezionata che finisce comunque in VoIP in una porta fonia dietro al modem? Perché nei video/immagini del Gigaset, come qui ( suppongo in ADSL/FTTC ):
VoIP.jpg
indicano il collegamento dalla base alla rete fissa ma senza collegare la base al modem ( con RJ11 ).
Non dovrebbe essere il modem ad essere collegato alla presa telefonica oltre che la base, se lontana, ma pur sempre finendo al modem tramite RJ11 per sfruttare la parte analogica? Ed anche nel caso in cui il modem nell'immagine fosse privo di porte fonia, non servirebbe allora un ATA?
Altrimenti Il modem come si collega ad internet? Non vedo collegamenti alla porta DSL, solo tra base e router tramite RJ45 ( per la parte VoIP del telefono ).
Non capisco se intende quindi la stessa rete telefonica che finisce comunque in VoIP, in quanto per ADSL/FTTC ne serve comunque una ( tra l'altro, potrei anche richiedere di non avere linea telefonica continuando comunque a sfruttare fisicamente il doppino solo per internet e VoIP? ) o proprio una seconda linea telefonica separata dal modem.
Mentre per FTTH, pur non necessitando di linea telefonica di per sé, ne servirebbe comunque una volendo, per assurdo, utilizzare telefoni analogici non in VoIP?

Invece tornando su Access Point:
1. Davo per scontato che le porte LAN del DGN2200v4 fossero Gigabit invece ricontrollando ho notato che sono solo Fast Ethernet. Dovrebbero essere sufficienti, per il momento, per una FTTC 100M (a maggior ragione con velocità effettiva abbondantemente inferiore causa distanza dall’armadio) ma non per una FTTH. In caso, avresti un prodotto decente (diciamo di fascia media) da consigliare anche se per il futuro?
2. Stavo cercando di informarmi circa la configurazione ed il collegamento tra router ed Access Point ed ho notato che esistono due metodi:
“LAN-LAN: I due router condividono la stessa rete, accesso ad Internet e gli stessi indirizzi. Dunque la rete del secondo router è una semplice estensione della prima.”
“LAN-WAN: Qui si tratta di due reti separate (indipendenti) che però condividono lo stesso accesso ad internet.”
La mia idea era proprio quella di LAN-LAN ma nella pagina di configurazione del DGN2200v4, se è necessario abilitare questa funzione mostrata nello screen, l’immagine indica di collegare una porta LAN del router alla porta Internet del Netgear (che presumo essere quella che funge da WAN):
AP.jpg
Devo quindi necessariamente abilitare questa funzione ed utilizzare il collegamento LAN-WAN? O devo abilitare questa funzione ma posso comunque utilizzare collegamento LAN-LAN? O posso evitare di abilitare questa funzione ed utilizzare collegamento LAN-LAN per configurarlo come AP ma agendo su altre impostazioni?
 

luigidavino

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#14
Utilizzo un router in cascata perché non voglio far gestire la mia rete da un baracchino da due soldi. Ciò a prescindere dalla fonia (che non uso se non per il fax).
Lascia perdere quello schema perché ti confonde soltanto. Il sezionamento serve proprio per non usare il modem (se non vuoi collegarci apparecchi dietro per comodità o altro), o per sopperire alla mancanza di ulteriori porte TEL/FXS, visto che, generalmente, ne inseriscono solo 2.
Per FTTH, qualora tu necessiti di collegare apparecchi in stanze distanti dal modem si può comunque sfruttare la rete in rame andando a iniettare il segnale telefonico simulato in una presa telefonica e facendolo rimbalzare lungo tutte le altre.

Sì, le porte Fast Ethernet oramai sono anacronistiche. Tralasciando la velocità netta della linea, è opportuno che i devices della rete interna dialoghino in Gigabit (salvo alcuni dispositivi che hanno una FE e non necessitano di GE).
Fascia media? Indica un budget massimo.
Nel tuo caso occorre optare per LAN-LAN, poiché WAN-LAN è ideale per creare le cascate tra modem dell'operatore e router proprietario.
Ma se il firmware del modem accetta solo quel tipo di collegamento, usa quello. In fondo, tecnicismi a parte, non ti cambierà niente.
Ti ricordo che anche un collegamento WAN-LAN se non adeguatamente configurato non può isolare segmenti di rete: ad esempio, se non modifichi l'IP, la subnet e altri parametri, anche un collegamento WAN-LAN non fa altro che replicare il segnale (modalità non corretta se si vuole isolare un modem dell'operatore per costringerlo a negoziare soltanto la portante di linea e a non fare alcun tipo di routing sui dispositivi della rete. compito delegato ad un router puro senza modem).
 

Arkad

Utente attivo
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#15
Il sezionamento serve proprio per non usare il modem (se non vuoi collegarci apparecchi dietro per comodità o altro), o per sopperire alla mancanza di ulteriori porte TEL/FXS, visto che, generalmente, ne inseriscono solo 2.
Per FTTH, qualora tu necessiti di collegare apparecchi in stanze distanti dal modem si può comunque sfruttare la rete in rame andando a iniettare il segnale telefonico simulato in una presa telefonica e facendolo rimbalzare lungo tutte le altre.
Ah ok, forse ho sbagliato ad usare il termine ed è ribaltamento quello corretto? Perché intendevo come in figura:
Rib.jpg
dove mostra che in caso di ADSL/FTTC, la presa secondaria alla quale è collegato il cordless ( distante appunto dal router ) tramite RJ11 viene comunque connessa ad una porta fonia del router.
Idem per FTTH dove però viene detto di usare la presa principale ( dato che non serve collegarla alla porta DSL ) dopo aver scollegato i fili provenienti dall'esterno.
Non capisco quindi cosa si intende con: "collegare alla rete telefonica/fissa/fonia analogica" se, di fatto, per ADSL/FTTC il router viene collegato alla presa principale e dunque tutti i telefoni ( che siano analogici o VoIP, vicini o distanti ) vengono in ogni caso collegati a quest'ultimo sfruttando quindi la linea dati e non più quella telefonica. Lo stesso per FTTH dove la presa principale viene riutilizzata al massimo per collegare al router telefoni analogici distanti.
Nello specifico per i telefoni VoIP, la porta RJ11 credo servirebbe quindi per "VoIP analogico" con operatore di casa mentre RJ45 per operatore alternativo.
In ogni caso, si tratterebbe comunque di VoIP, non più di linea analogica a sé stante.
Sì, le porte Fast Ethernet oramai sono anacronistiche. Tralasciando la velocità netta della linea, è opportuno che i devices della rete interna dialoghino in Gigabit (salvo alcuni dispositivi che hanno una FE e non necessitano di GE).
Era per "riciclare" qualcosa già in mio possesso ed ancora funzionante, almeno fino all'arrivo della FTTH, sempre appunto sia fattibile e soprattutto non abbia particolari controindicazioni. Siamo quindi più sul: "sarebbe meglio fare altrimenti ma si può fare" oppure sul: "eviterei proprio in quanto potrebbe causare problemi"?
Fascia media? Indica un budget massimo.
Non saprei di preciso, mi andava bene qualcosa di decente per uso casalingo, anche fosse il "corrispettivo" del DGN2200v4 con porte Gigabit, ma immagino il prezzo lo faccia anche la tipologia di WiFi supportato e rimanere su 802.11n non credo abbia molto senso, quindi direi: porte Gigabit + WiFi ac sotto ai 100€ ( se poi si trovasse qualcosa di passabile già intorno ai 60-70€, tanto meglio ). Dubito invece si trovino ax a meno di 100€.
Nel tuo caso occorre optare per LAN-LAN, poiché WAN-LAN è ideale per creare le cascate tra modem dell'operatore e router proprietario.
Ma se il firmware del modem accetta solo quel tipo di collegamento, usa quello. In fondo, tecnicismi a parte, non ti cambierà niente.
Ti ricordo che anche un collegamento WAN-LAN se non adeguatamente configurato non può isolare segmenti di rete: ad esempio, se non modifichi l'IP, la subnet e altri parametri, anche un collegamento WAN-LAN non fa altro che replicare il segnale
Quindi provare direttamente LAN-LAN e nel peggiore dei casi: LAN ( FritzBox ) - WAN ( DGN2200v4 ) ma configurandoli come una LAN-LAN ( insomma una LAN-WAN "sbagliata" :asd )?
 

luigidavino

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#16
No, ribaltamento si usa per ADSL. Il termine corretto per FTTx è Sezionamento.
E, sinceramente, le indicazioni date in quell'immagine sono fuorvianti e inesatte.
Il Sezionamento va fatto se si ha necessità di usare telefoni collegati lontano dal router (o se ne hai più di 2 da collegare, visto che le porte TEL sono 2 in quasi tutti i modem in circolazione).
VoIP analogico non esiste. VoIP è una tecnica esclusivamente digitale.
Se sezioni, puoi introdurre il segnale VoIP generato dal router in altre prese sparse per casa.
"Sarebbe meglio fare altrimenti ma si può fare": si, proprio questo intendo.
Sotto i €100 è già tanto che funzioni decentemente; figuriamoci l'essere anche AX.
Qualcosa tipo questo è proprio il minimo sindacale.
LAN-LAN è lo schema classico. Se il firmware dell'AP lo richiede, colleghi a WAN e vai tranquillo. Non è un collegamento errato. E' solo questione di implementazione a livello di porte della funzionalità (spesso fatto per lasciare le 4 LAN libere sullo switch interno). ;)
 

Arkad

Utente attivo
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#17
E, sinceramente, le indicazioni date in quell'immagine sono fuorvianti e inesatte.
Il Sezionamento va fatto se si ha necessità di usare telefoni collegati lontano dal router (o se ne hai più di 2 da collegare, visto che le porte TEL sono 2 in quasi tutti i modem in circolazione)
Tra difficoltà personale nel comprendere tutto ed il talento nel trovare informazioni sbagliate, non so più dove prendere gli esempi :roftl
In teoria, comunque, non indica che in caso di FTTH, per i telefoni distanti dal router, basterebbe scollegare la presa principale dai fili esterni mantenendo il collegamento con la rete interna che verrebbe collegata tramite RJ11 ad una porta fonia del router? Mentre per FTTC, la presa principale verrebbe separata dal resto dell'impianto interno e quindi: presa principale con linea telefonica proveniente dall'esterno collegata al router su porta DSL, telefono vicino direttamente su una porta fonia del router e telefoni distanti collegati a prese secondarie che, sempre tramite RJ11, finirebbero sull'altra porta fonia del router?
È quando vedo video/immagini del Gigaset che non capisco cosa intendano per: "collegare la base alla rete telefonica", se appunto ad una presa sezionata che finisce comunque ad una porta fonia del router ( e quindi VoIP ) oppure ad una presa volutamente non sezionata, che, non finendo connessa al router, permette ai telefoni ad essa collegati di utilizzare la fonia analogica tradizionale proveniente direttamente dall'esterno invece che attraverso il router ( e quindi non VoIP ).
VoIP analogico non esiste. VoIP è una tecnica esclusivamente digitale.
Sì, l'ho messo virgolettato, seppur magari sempre scorretto, per indicare il VoIP dei telefoni VoIP quando utilizzati tramite RJ11 su porte fonia ( come i telefoni analogici ) rispetto a quando utilizzati solo tramite RJ45 su porta LAN.
Sotto i €100 è già tanto che funzioni decentemente; figuriamoci l'essere anche AX.
Qualcosa tipo questo è proprio il minimo sindacale.
Ah, bene :asd Volendo, potrebbe bastarmi anche lo switch consigliato qualche post fa, sfruttando così unicamente il WiFi del FritzBox che è già AC ma non so se riuscirebbe ad offrirmi copertura sufficiente al piano superiore.
Tra i risultati, comunque, mi è comparso pure un TP-Link AX sugli 80€ ma mi pare di ricordare che, in generale, non li consigliassi.
Quanto agli ASUS, anche se AC, che differenza ci sarebbe con questo: Asus RT-AC58U V2? La differenza di modello/prezzo è giustificata da qualche funzione in particolare tale da preferirlo all'altro, a parte una maggiore velocità teorica WiFi?
Poi, nonostante, credo, sia un errore ( anche se da sito ufficiale ) alcune funzioni sembrano supportate nella panoramica del prodotto ma non nel dettaglio delle specifiche, tipo il MU-MIMO:
AC57UV3.jpg
AC57UV3b.jpg
LAN-LAN è lo schema classico. Se il firmware dell'AP lo richiede, colleghi a WAN e vai tranquillo. Non è un collegamento errato. E' solo questione di implementazione a livello di porte della funzionalità (spesso fatto per lasciare le 4 LAN libere sullo switch interno). ;)
Ok, collegamento LAN-WAN e configurazione come unica rete e non due separate ( se riesco, vedrò sul momento :asd ).
 

luigidavino

Moderatore
STAFF
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#18
Gigaset non contempla il sezionamento nei suoi manuali.
Fissati di meno con le loro istruzioni e leggi meglio le mie.

Sia AC57 che 58 hanno MIMO. E' un refuso.
I 2 modelli sono sostanzialmente identici, a parte qualche tecnicismo (AC1200 vs. AC1300, ad esempio; nulla di eccessivamente influente).
 
Iscritto dal
3 Dicembre 2019
Messaggi
123
#19
Gigaset non contempla il sezionamento nei suoi manuali.
Fissati di meno con le loro istruzioni e leggi meglio le mie.
:asd
Può essere Gigaset come qualsiasi altro, è in generale che non mi è chiaro cosa si intende con:" collegare la base alla rete telefonica" se in FTTC il router viene collegato alla presa principale alla quale arriva il doppino dall'esterno ed i telefoni, vicini o distanti che siano, alla fine vengono collegati alle porte fonia del router stesso, sfruttando quindi il VoIP. Perciò:
a) si intende l'utilizzo di prese telefoniche secondarie per collegare telefoni distanti dal router che, come detto, tramite RJ11 finiscono comunque ad una porta fonia del router e di conseguenza sfruttano VoIP ( che siano telefoni analogici o VoIP quando non utilizzati con operatore alternativo, altrimenti basterebbe RJ45 ).
b) si intende l'utilizzo di prese telefoniche secondarie ( visto che sulla principale c'è il router ) che non "puntano" al router ma direttamente al doppino proveniente dall'esterno ed i telefoni ( di nuovo, sia analogici che VoIP quando non utilizzati con operatore alternativo ) qui collegati, non venendo connessi al router, non sfrutterebbero il VoIP ma appunto la rete telefonica.
Sia AC57 che 58 hanno MIMO. E' un refuso.
I 2 modelli sono sostanzialmente identici, a parte qualche tecnicismo (AC1200 vs. AC1300, ad esempio; nulla di eccessivamente influente).
Stavo notando però che altri modelli ACxxU riportano nelle loro schede tecniche: "MU-MIMO:No" mentre modelli come AC65P o AX55, "Yes".
In realtà, comunque, sempre non siano altri refusi, noto ulteriori differenze:
- AC57Uv3: MIMO 2.4 GHz 4 x 4 - 5 GHz 2 x 2 | Memoria: 32 MB Flash, 128 MB RAM | USB 2.0
- AC58Uv2: MIMO 2.4 GHz 2 x 2 - 5 GHz 2 x 2 | Memoria: 16 MB Flash, 128 MB RAM | USB 2.0
Per ottenere le stesse caratteristiche dell'AC57Uv3, dovrei prendere l'AC58Uv3 ma non riesco a trovarlo facilmente. Altri esempi:
- AC59U: MIMO 2.4 GHz 4 x 4 - 5 GHz 2 x 2 | Memoria: 16 MB Flash, 128 MB RAM | USB 2.0
Come sopra, dovrei cercare l'AC59Uv2 per la versione con maggiore memoria.
- AC65P: MIMO 2.4 GHz 3 x 3 - 5 GHz 3 x 3 | Memoria: 128 MB Flash, 256 MB RAM | USB 3.1
Sulla carta sembrerebbe una valida alternativa sempre sotto ai 100€.

In generale, comunque, è da preferire la "combo" 4x4 - 2x2 o quella 3x3 - 3x3? E quanto è importante il quantitativo di memoria?
Mentre per AC o AX sui 100€ o poco più, rimarresti sempre su Asus ( avevo visto, ad esempio, questo AX e questo AC ) o consiglieresti altre marche?
 
Iscritto dal
28 Ottobre 2018
Messaggi
2,601
#20
Quella cavolo di base o la colleghi per fatti suoi alla presa (al filtro o ad una qualunque presa dell'impianto, nel caso di ADSL), o al router (o anche a prese lontano dal modem SOLO con impianto sezionato, nel caso di FTTC e FTTH) è la stessa e identica cosa. Non so come altro spiegartelo. E la cosa sta diventando davvero estenuante...

Se devi salire oltre i €100, per me meglio puntare minimo ad RT-AC68U.
AX55 è un modello economico e non particolarmente performante. Ma se il tuo obiettivo è per forza un AX, guarda almento RT-AX56U
 
Top

Caro utente, ti ringraziamo per essere quì.

Ci siamo accorti che stai utilizzando un AdBlock o qualche estensione che impedisce il caricamento completo della pagina.

Non abbiamo banner fastidiosi, animazioni flash o popup irritanti.

I nostri proventi ci aiutano a coprire i costi di gestione del sito, recuperare eventuale materiale per la redazione e continuare il nostro operato.

Per favore, aggiungi hwreload.it alla whitelist o disabilita direttamente la tua estensione che blocca la pubblicità.

Ti ringraziamo per l'attenzione.