Cosa c'è di nuovo?
HWReload

Registrati e partecipa alle attività del forum

Come scrivere un buon curriculum vitae?

Antro97

Utente
Iscritto dal:
13 Marzo 2021
Messaggi
85
Salve,
voglio aprire questa discussione perché credo che molte persone che si stanno approcciando per le prime volte al mondo del lavoro (vale anche per gli stage/tirocini ovviamente) non abbiano bene in mente cosa inserire nel proprio CV per far colpo sul datore di lavoro.
Mi includo anche io in questa categoria vista la giovane età e il non aver nessuna esperienza lavorativa precedente, motivo principale per il quale ho aperto questo thread 😅
Questa discussione deve essere tale, ovvero un confronto di idee tra utenti che hanno vissuto o stanno per vivere esperienze diverse in altrettanto diversi settori; ovviamente io non possiedo alcuna verità in mano, quelle di seguito sono solo le mie idee che ho formulato e raccolto nel tempo.


1) Inizio io col dire che, secondo me, scrivere un curriculum con lessico e grammatica ottimi (se non perfetti) sia praticamente il requisito minimo per qualsiasi lavoro si voglia svolgere perché ciò denota l'attenzione verso la propria lingua (la quale si dovrebbe conoscere alla perfezione fin da bambini ma sappiamo tutti che non è così, questo però è un altro discorso) e soprattutto l'attenzione al dettaglio.
Ho letto nel tempo alcuni CV di amici e sono rimasto sorpreso di vedere errori più o meno gravi, in particolare la punteggiatura messa a cavolo e l'uso improprio di alcune parole come il "piuttosto che" usato come congiunzione "e" (un libro di grammatica muore ogni giorno per questo) rendono la lettura veramente difficile e comprensibile e potrebbe portare ad un rifiuto netto della vostra domanda.

2) Altro aspetto per me fondamentale è non mentire sulle competenze, sulle cosiddette hard skills: fare ciò potrebbe sì portarvi ad ottenere il posto di lavoro ma appena sarete veramente messi alla prova si vedrà subito che avete mentito, rischiando quindi di perdere il lavoro e potenzialmente di avere più difficoltà per trovarne un altro (ricordatevi che i datori non poco spesso chiedono di voi al precedente luogo di lavoro).
Se avete certificati/attestati di esperienze lavorative o anche di semplici corsi, se sono anche un minimo inerenti al lavoro che state cercando inseriteli dato che ciò dimostra voglia di imparare e di mettersi in gioco; lo stesso secondo me vale per hobby e interessi, sempre se un minimo coerenti.

3) Dato che ho parlato delle hard skills è bene che ora parli delle soft skills, ovvero tutte quelle competenze trasversali che fanno parte della vostra persona: alcuni esempi sono capacità di lavorare in team, di parlare ed interfacciarsi col pubblico, di sintesi, di gestire lo stress, di pianificazione ed organizzazione, problem solving, attenzione al dettaglio e precisione, etc.
In posti di lavoro molto ricercati sono queste a fare la differenza tra la vostra assunzione e quella di un'altra persona a parità di competenze quindi per me è bene investire del tempo per lavorare sulla propria persona e quindi migliorarsi.
Non ho parlato della presentazione iniziale, quella all'inizio del CV, perché in fin dei conti per me è un po' assimilabile alla stesura di queste soft skills però correggetemi se sbaglio.

4) Per ultimo, ritengo molto utili quei siti dove potete trovare modelli già pronti da compilare ma a volte potrebbero essere una trappola: scegliendo un modello "sbagliato" (troppo pomposo o graficamente pesante) potrebbe far desistere il datore di lavoro quindi credo sia meglio scegliere un layout minimale o quantomeno leggero.
L'importante è che il vostro CV lasci una buona impressione che duri abbastanza nel tempo perché il datore si ricordi di voi dopo averne visionati tanti altri, no?
Personalmente, di siti conosco Europass e Canva ma se avete altri siti da suggerire ben venga :)
Piccolo consiglio: il CV di Europass contiene un errore nel testo da mettere a fondo pagina che riguarda il trattamento dei dati personali, la parola "giugno" è scritta male quindi fateci attenzione che non si può mai sapere.

P.S.) Da tempo seguo un canale YouTube che aiuta molto nella ricerca ed ottenimento di un posto di lavoro, è un canale straniero ma molte cose si applicano anche al mondo del lavoro italiano quindi vorrei consigliarvelo :) (link autorizzato da @Schrödinger)

CONCLUSIONE
Cosa pensate di questo papiro (non credo di avere il dono della sintesi)? Se ho detto cose sbagliate o parzialmente non corrette vi invito a correggermi, per il bene di tutti i lettori.
Avete qualcosa da aggiungere, magari grazie alle vostre esperienze pluriennali di lavoro?
Grazie a tutti dell'attenzione e scusate il wall of text :ROFLMAO:
 
Ultima modifica:

Liupen

Moderatore
Staff
Iscritto dal:
23 Dicembre 2017
Messaggi
70
Cosa pensate di questo papiro (non credo di avere il dono della sintesi)? Se ho detto cose sbagliate o parzialmente non corrette vi invito a correggermi, per il bene di tutti i lettori.
Avete qualcosa da aggiungere, magari grazie alle vostre esperienze pluriennali di lavoro?
E' ben fatta e "ben detta".
Penso che ciò che hai scritto aiuterà i ragazzi che come te si affacciano al mondo del lavoro.
Rispondere alle candidature, con un corretto CV è il primo passo e quello fondamentale per darsi l'opportunità di essere chiamati per un colloquio.
Quindi... mi aspetto che possa seguire una "guida" anche su questo secondo step.

Detto questo ciò che segue è un po di mia esperienza.

Altro aspetto per me fondamentale è non mentire sulle competenze, sulle cosiddette hard skills: fare ciò potrebbe sì portarvi ad ottenere il posto di lavoro ma appena sarete veramente messi alla prova si vedrà subito che avete mentito
La figura di 💩 poi al colloquio è dietro l'angolo, ma non mettetevi troppi paletti.
Specie per i ragazzi molto giovani che inviano curriculum, le aziende cercano persone disposte anche a superare le proprie competenze principali (hard skills) e puntano sul carattere, la voglia di fare e imparare un "lavoro" in cui le competenze sono un aspetto base ma non l'unico: mix di competenze e iniziativa nella soluzione di problemi (problem solving).
Quindi - senza mentire - accennate a cosa sapete fare anche da autodidatti (nero su bianco). Non c'è un attestato che lo potrà certificare, ma se siete messi alla prova, vedrete che l'adrenalina neuronica qualcosa fà...
Non siate "timidi" nei colloqui ma neanche presentandovi nei CV.

Non ho parlato della presentazione iniziale, quella all'inizio del CV, perché in fin dei conti per me è un po' assimilabile alla stesura di queste soft skills però correggetemi se sbaglio
Ecco: la presentazione.
In alcuni ambiti rappresenta la vostra "personalizzazione" tra decine di CV di persone che hanno tutti le skill che servono a quel posto di lavoro.
Non è da trascurare.

'importante è che il vostro CV lasci una buona impressione che duri abbastanza nel tempo perché il datore si ricordi di voi dopo averne visionati tanti altri, no?
Esatto. I mucchi: da una parte quelli che vengono chiamati, dall'altra quelli che sono scartati.
 
Top